Pepita Viaggi Arezzo Pepita Viaggi Arezzo Pepita Viaggi Arezzo Pepita Viaggi Arezzo Pepita Viaggi Arezzo Pepita Viaggi Arezzo Pepita Viaggi Arezzo

COLORI DEL SENEGAL
Capodanno nel Deserto

Partenza:Lunedì 30 Dicembre 2019 Ritorno:Lunedì 06 Gennaio 2020 Prezzo:1780.00 €   Programma del viaggio

Capodanno nel Deserto
COLORI
DEL SENEGAL

DAKAR – ISOLA DI GOREE – SAINT LOUIS – PARCO NAZIONALE DJOUDJ   TOUBA – SALOUM – LAGO ROSA
PERNOTTAMENTO TRA LE DUNE DEL DESERTO DI LOMPOUL

 
 
 
 
 
 
Un viaggio straordinario che consentirà di cogliere per alcuni giorni i colori, le atmosfere, le usanze del Senegal. I Senegalesi sono un popolo estremamente ospitale, ogni occasione e ogni incontro sono un buon motivo per festeggiare con musica e balli. All’arrivo all’aeroporto di Dakar si viene accolti da un nome: Léopold Sédar Senghor, l’uomo del coraggio, amico della poesia, che ha fatto della “negritudine” l’orgogliosa bandiera dell’autocoscienza e del riscatto africano. La quieta bellezza delle dune sabbiose lungo la costa, le piroghe colorate, le antiche città e i villaggi dei pescatori, il Parco Nazionale ornitologico di Djoudj riconosciuto Patrimonio mondiale dall’UNESCO, la ricca storia con tristi testimonianze dell'Isola di Goree, l' antica capitale delle colonie senegalesi Saint Louis, la magia del deserto di Lompoul, le bellezze naturalistiche del fiume Soloum, il lago rosa di Retba dove il sale è l’unica ricchezza, il sorriso della gente e la gioia di vivere sono tutti  gli ingredienti che servono per renderlo un viaggio indimenticabile.
 

 
 
 
30 Dicembre  Lunedì   AREZZO – ROMA – LISBONA - DAKAR
Partenza in pullman da viale Giotto (angolo bar Giotto) alle ore 08:00
Arrivo all'aeroporto di Roma Fiumicino, disbrigo delle formalità d'imbarco e partenza  con volo di linea TAP per Dakar con scalo e cambio aereo a Lisbona TP841 Roma – Lisbona / 14:45 – 16:30 / TP1485 Lisbona – Dakar 20:50 – 01:05 del giorno successivo.
 
31 Dicembre Martedì  DAKAR – LAGO ROSA – DESERTO DI LOMPOUL
Arrivo all'aeroporto internazionale di Dakar, disbirgo delle formalità, incontro con il corrispondente e trasferimento in hotel, pernottamento.Pensione completa. Partenza verso  sud-ovest attraversando il paesaggio tipico dell’altopiano di Horombé, arrivo al famoso Lago Rosa. Nel primo pomeriggio faremo un'escursione in 4x4 sulle orme della “Parigi-Dakar” e un giro intorno al lago, che con i suoi 300 grammi di sale per litro d’acqua lo rendono di un colore rosa e porpora a seconda dell’intensità dei raggi del sole. Proseguimento per il Deserto di Lompoul, sistemazione nel campo tendato. Cena e pernottamento nel deserto.

Il lago Retba, conosciuto come Lago Rosa, appare come un cristallo rosa in un mare di sabbia dorata; l’alta densità salina in un ambiente desertico, fa sì che vi si svolga una quotidiana raccolta di sale: gli uomini sulle piroghe staccano i blocchi e le donne li portano in secchi fino alle rive. Il Lago Rosa è conosciuto a livello mondiale poichè rappresenta la tappa finale della famosa gara di Rally Parigi-Dakar. Nei suoi fondali si trova una gran quantità di zolfo e di alghe, le quali diventano di un incredibile colore rosa quando il sole le illumina, più o meno verso mezzogiorno: per un attimo l'acqua diventa completamente rosa. Oltre a questa particolare attrazione, dal lago si ottengono grandi quantitativi di sale da commerciare, che ogni giorno vengono trasportati con camion. Attorno non c'è molto altro da vedere, se non alcune piccole capanne in cui vivono coloro che lì lavorano.
 
Deserto di Lompoul Dai palazzi e le baracche arse dal sole, rinfrescate dalla brezza oceanica di Dakar alle dune del deserto, uno scenario dominato dal calore quasi accecante del giallo e dell’arancione, colori che di notte assumono le più svariate sfumature del rosso e del blu mentre l’effetto dei raggi solari svanisce e lascia spazio a una brezza quasi gelida. Un panorama mozzafiato di dune di sabbia in questo piccolo deserto di Lompoul, un luogo magico che si estende lungo la costa e ripiega verso l’entroterra solo per qualche chilometro. Le dune sono alte e bianchissime e in lontananza di notte si sente il rumore del mare. Un piccolo paradiso, lontano dal frastuono della capitale o dai grandi alberghi della Petite-Cote con poche tende in stile mauritano arredate con stuoie colorate e un piccolo fuoco per le sere più gelide.

01 Gennaio  Mercoledì   DESERTO DI LOMPOUL – SAINT LOUIS
Pensione completa. Partenza per Saint Louis o, come si dice in wolof, la lingua principale in Senegal, Nadar è la seconda città più importante del paese, dopo Dakar. All'arrivo visita dell'antica capitale delle colonie senegalesi costruita interamente dagli Europei. Faremo il giro in calesse per la visita della parte coloniale, del centro e del quartiere dei pescatori. Visita del famoso “Ponte”, uno dei simboli più importanti e caratteristici della città, progettato da Gustave Eiffel, lo stesso della torre di Parigi, e collega la terraferma con l'isola della città. In serata sistemazione in hotel e pernottamento.
 
Saint Louis. Si trova a nord del paese, a circa 300 km dalla capitale ed al confine con la Mauritania. Ha circa 200.000 abitanti, ed è un' ex-colonia francese. Al tempo del protettorato, la città fu costruita su una piccola isola di 2 chilometri di lunghezza e 300 metri di larghezza, circondata dal fiume Senegal. E' stata la capitale delle colonie senegalesi, dal XVII secolo fino all'indipendenza avvenuta nel 1960. E' una città più piacevole di Dakar, dal momento che è piccola e quindi molto più tranquilla. Siamo sul fiume Senegal dato che circonda tutta la città e segna anche il confine con la Mauritania.  La città coloniale ha strade molto belle; certo, è più trascurata rispetto a Dakar, ma ha il suo fascino, con i balconi in legno sui toni gialli e rossi ed i bambini che giocano per le strade.

02 Gennaio  Giovedì  SAINT LOUIS – DJOUDJ – SAINT LOUIS
Pensione completa. Partenza in pullman per raggiungere il Parco Nazionale di Djoudj, il terzo parco ornitologico al mondo, dove effettueremo un'escursione in piroga. Il Djoudj accoglie durante l'inverno migliaia di uccelli migratori che vengono a nidificare qui. Comprende habitat di vario tipo, acquatici e terrestri, che ospitano numerose specie di uccelli migratori, molti dei quali hanno attraversato il deserto del Sahara per raggiungerlo. Delle circa 400 specie di uccelli i più numerosi sono i pellicani ed i fenicotteri. In serata rientro in hotel a Saint Louis e pernottamento.
 
Il Parco Nazionale di Djoudj dal 1981 è stato inserito dall'Unesco nel Patrimonio dell'Umanità, è il terzo santuario degli uccelli più grande al mondo. Un tour in piroga è il modo migliore per visitare il parco dove sono presenti fenicotteri, cormorani, aironi, anatre, oche Gambia ed Egitto, solo per citare i più famosi delle oltre 3 milioni di specie che si fermano in questa oasi di pace durante la loro migrazione. Ci sono anche tribù reali di pellicani bianchi e con un pò di fortuna si potranno incontrare durante il percorso coccodrilli, varani bianchi, scimmie, pitoni, facoceri.

03 Gennaio  Venerdì SAINT LOUIS - TOUBA  - SALOUM
Pensione completa. Partenza per Touba, la città santa del Senegal, regolata da rigide norme islamiche e sede delle confraternite musulmane del paese. Touba è la più immensa moschea dell’intera Africa a sud del Maghreb. Un luogo di culto islamico nel quale attorno è sorta una città che attualmente conta due milioni di abitanti, una metropoli in continua espansione, parimenti anche la Moschea stessa viene ampliata e impreziosita costantemente. Le vie di questo luogo catapultano le persone in uno scenario da film, sono polverose, ricche di traffico, abbondanti di merci esposte in ogni strada, le donne vestono abiti colorati che le distanziano da un'idea di sacro islamico di un certo tipo e che arricchiscono di colori e bellezza tutto, appunto creando uno scenario da film. Touba è esattamente questo, rappresenta la dimostrazione che esiste un Islam più conciliante anche se con alcuni dettami ancora rigidi che comunque accoglie tenendo conto di tali dettami, in grado di convivere con fedeli di altre religioni. L’accesso alla città stessa ha qualcosa di meraviglioso e misterico che lo avvolge, si oltrepassa un massiccio portale che risulta di confine con la città sacra, in sostanza la si potrebbe anche definire con l’appellativo di Vaticano Senegalese questa città, viste le figure sacre e il luogo per come si è strutturato nei secoli. Proseguimento per il delta del Sine-Saloum, giro in barca negli stretti canali di mangrovie e sistemazione in lodge. Pernottamento.
 
04 Gennaio  Sabato  SALOUM – JOAL FADIOUTH - SALY
Pensione completa. Partenza per il villaggio di Joal Fadiouth dato dall’unione di due comuni: Joal, appunto, che si sviluppa in lunghezza sulla terraferma, e Fadiouth che invece galleggia nelle acque dell’Atlantico, attaccato alla costa. I due comuni sono collegati l’uno all’altro da un ponte di legno di circa 800 metri. L'essere una delle zone di pesca più importanti del paese, la sua posizione strategica sulla cartina geografica e oltre l’aver dato i natali a Léopold Senghor, primo Presidente della Repubblica del Senegal, fanno di Joal, nonostante le sue dimensioni modeste, un centro economicamente importante. Uno dei momenti più intensi del vivere a Joal, che la vede risvegliarsi dal lungo sonno giornaliero, è l’arrivo delle piroghe dei pescatori: ad attenderli donne, bambini e anziani che sembra lavorino a cottimo come in una catena di montaggio raccogliendo pesci, pulendoli e riponendoli nelle cassette pronte per la commercializzazione. Turisticamente parlando, Joal è molto gettonata perché punto di accesso a Fadiouth, nota anche come l’île aux coquillages (l'isole delle conchiglie). Un nome che incarna in pieno l’essenza del posto interamente disseminato di conchiglie centenarie: da quelle incastonate nelle pareti delle case a quelle riversate sul suolo bianco dei sentieri che scricchiolano a ogni passo. A Fadiouth vi sembrerà di vivere in un’altra dimensione spazio-temporale. La vita scorre lenta, l’uso delle macchine è interdetto e l’unico rumore che sentirete per le strade, oltre alle urla gioiose dei bambini, sarà quello delle conchiglie scricchiolanti sotto i vostri piedi. Proseguimento per Saly. Sistemazione in hotel e pernottamento.

05 Gennaio  Domenica  SALY – ISOLA DI GORÈE
Pensione completa. Partenza in battello per l'Isola di Gorèe. Situata a meno di 3 km dalle coste di Dakar, l’isola di Gorèe tanto bella a livello paesaggistico quanto triste per la sua storia. Dichiarata sito Unesco nel 1978, l’isola di Gorèe, che è stata governata in momenti diversi da portoghesi, olandesi, inglesi e francesi, ha rappresentato, per chi l’ha attraversata in catene fin dal lontano 1536, “la porta per l’inferno” della schiavitù. Gorèe, infatti, per oltre 300 anni, fino al 1848, anno dell’abolizione della schiavitù, è stata il punto di partenza per milioni di uomini e donne africane, che venivano strappati dalla loro terra, per essere inviati oltreoceano. Camminando tra le stradine caratteristiche dai colori vivaci, si percepisce subito l’influenza della dominazione francese. Uno di questi vicoli conduce direttamente alla “Maison des Esclaves” ovvero la Casa Degli Schiavi, una vecchia residenza privata dove gli schiavi venivano tenuti prigionieri, in attesa di essere venduti. Il simbolo più forte, significativo e triste di questa residenza è rappresentato dalla “porta del non ritorno”, che si apre sull’Oceano Atlantico, e che conduceva gli schiavi africani direttamente a bordo delle navi per essere poi trasportati oltreoceano, senza avere più la possibilità di fare ritorno in patria. Qui si trova un piccolo luogo che commemora la visita di Papa Giovanni Paolo II nel 1992, qui alzando il volto al cielo ha chiesto il perdono proferendo queste parole: "Da questo santuario africano del dolore nero imploriamo il perdono del cielo". Al termine della visita rientro in battello a Dakar e visita della capitale senegalese, con l'esterno del Palazzo Presidenziale, i quartieri popolari molto colorati, e l’importante statua del Rinascimento africano. Verso le 22.30 trasferimento in aeroporto.
 
06 Gennaio  Lunedì  DAKAR – LISBONA - ROMA – AREZZO
Arrivo in aeroporto, disbrigo delle formalità e partenza con volo di linea TAP per Roma con scalo e cambio aereo a Lisbona TP1482 Dakar – Lisbona 02:05 – 06:00 / TP846 Lisbona – Roma 09:55 – 13:55. Incontro con il nostro pullman e proseguimento per Arezzo.
 
N.b. L'ordine delle visite potrebbe variare senza modificare il contenuto del viaggio / è un Paese con servizi e organizzazione più arretrati rispetto agli standard europei, potrebbero succedere eventuali disguidi non imputabili alla nostra organizzazione.
 
 

 
 
 






 
Quota di partecipazione min. 20 partecipanti € 1780,00
 
Supplemento camera singola € 200,00 (possibilità di richiedere abbinamento)
 
Bus da Arezzo per l'aeroporto di Roma a/r € 65/80 circa in base al numero dei partecipanti
 
 
 










La quota comprende: Voli di linea TAP – Tasse aeroportuali (nella misura di € 179,00 eventuali adeguamenti saranno comunicati al momento del saldo del viaggio) - Trasferimenti aeroporto/hotel/aeroporto – Guida in loco parlante italiano per tutto il tour –  Pullman con aria condizionata per lo svolgimento del tour – Escursioni come da programma – Sistemazione in hotel migliori disponibili con servizi privati e una notte in tenda nel deserto di Lompul -  trattamento di pensione completa dalla colazione del secondo giorno alla cena del penultimo giorno – ½ litro di acqua ai pasti  – assicurazione medico/bagaglio (massimale spese mediche € 10.000,00 / bagaglio € 750.00 condizioni della polizza disponibili in agenzia / possibilità di aumentare il massimale delle spese mediche) – Accompagnatore Pepita

La quota non comprende: Bus da Arezzo per l'aeroporto di Roma a/r  – Mance consigliate € 25,00 circa da consegnare all’accompagnatore in loco (per guida/autisti) –  Assicurazione annullamento facoltativa  
 
 
 

ACCONTO ALL’ATTO DELLA PRENOTAZIONE € 500,00

---
 
 DOCUMENTI: PASSAPORTO
per i cittadini italiani è necessario il passaporto con almeno 6 mesi di validità

---

EVITA IL SUPPLEMENTO SINGOLA! Pepita Viaggi offre il servizio di abbinamento dei viaggiatori: se viaggi da solo/sola puoi richiedere all'agenzia di condividere la camera con un altro viaggiatore/viaggiatrice e risparmiare sul supplemento singola.
 
 ---
 
INFORMAZIONI UTILI
 
Consigli sanitari: non è obbligatoria alcuna vaccinazione. Per maggiori informazioni cosultare www.viaggiaresicuri.it oppure l'ASL di zona.  E' opportuno portare antipiretici e disinfettanti intestinali. Da non dimenticare repellenti per gli insetti, occhiali da sole, un cappello, protezione solare e vestiti leggeri.
 
Fuso orario: un’ora indietro rispetto all’Italia, 2 ore indietro quando in Italia vige l’ora legale.
 
Corrente: La corrente elettrica è di 220 Volts, frequenza 50 Hertz. Consigliabile munirsi di spina universale.
 
Moneta: La moneta in corso è il Franco CFA dell’Africa Occidentale (XOF).
I contanti sono il mezzo più diffuso e rapido per ottenere ciò di cui si ha bisogno. L'euro viene cambiato nell’ufficio di cambio dell’aeroporto di Dakar, nelle banche locali e nei principali alberghi.
 
Lingua: Il francese è la lingua ufficiale per il commercio, gli affari e l'insegnamento. Il Wolof è la lingua tradizionale parlata da una grande maggioranza. La diversità di lingue e dialetti locali (crioulo, diola, fula, malinké, mandinka...) riflette la varietà di etnie.
 
Clima: Il Senegal rientra nella fascia a clima tropicale, caldo tutto l'anno, più secco nelle regioni del nord e più umido nel sud; è caratterizzato dall'alternarsi di una stagione secca da ottobre/novembre a maggio e da una stagione piovosa da giugno a settembre
 
Religione: Il 90% circa della popolazione è di confessione musulmana sunnita. Il 6% pratica religioni tradizionali animiste e una piccola percentuale (intorno al 2%) sono cristiani.
 
Comunicazioni: Prefisso per telefonare in Italia: 0039 + indicativo della città (con lo 0) + numero dell’abbonato. Prefisso per telefonare in Senegal: 00221 + indicativo della località (8 per Dakar e dintorni, 9 per le altre regioni) + numero dell’abbonato. Buona la copertura relativa alla telefonia mobile.
 
Mezzi di trasporto e Sistemazioni: I mezzi e gli alberghi da noi selezionati garantiscono, per gli standard qualitativi locali, il miglior comfort e sicurezza. E' bene però sapere che non corrispondono agli standard europei. Talvolta non si esclude che la corrente elettrica possa essere interrotta in alcune fasce orarie.
 
Cibi e bevande La cucina senegalese è considerata da molte parti come la più interessante dell'Africa occidentale, anche se per noi a lungo andare potrà risultare un pò monotona. I cereali, come il riso e il miglio, e i legumi, sono la base della cucina senegalese tradizionale. Accompagnato dal pesce nelle zone costiere, dalla carne di bue o di pollo nelle zone interne al paese, il riso costituisce il piatto tipico per eccellenza. Con il miglioramento delle condizioni di vita è andato aumentando anche il consumo di carne di bue, cucinato di preferenza in un sugo a base di arachidi con il nome di mafé. L'aroma delle arachidi tostate, delle quali il paese africano è uno dei primi produttori al mondo, profuma l'aria di paesi e villaggi e rientra come base di salse in numerosi piatti. La città di Saint Louis, in prossimità delle foci del fiume Senegal, è invece nota per le specialità a base di pesce e frutti di mare. Il frutto più diffuso in Senegal, oltre alla banana, è il mango. Altri frutti tropicali - serviti freschi o come ingredienti nei succhi - a seconda della stagione - sono la papaya, la guaiava, la noce di cocco, il mad, un frutto con grossi semi avvolti da una polpa agrodolce. In Senegal sono abbondanti anche i pompelmi, soprattutto quelli rosa, e le arance, molto dolci ma poco succose. Trattandosi di un paese in prevalenza islamico il consumo di alcolici è limitato. La bevanda tradizionale rimane il tè alla menta, che, come in molti paesi dell'Africa occidentale, è molto più che una bevanda, un rito, un momento di condivisione, un’occasione per riunirsi. Infatti, bevendo il tè si parla, ci si rilassa e si può anche cantare e ballare accompagnati dalla musica senegalese. Diffuse le bibite “occidentali”, dissetanti e rinfrescanti quelle locali come il succo di zenzero o il bissap, ottenuto dall’infusione dei fiori di ibisco essiccati. La birra senegalese è buona e leggera: la Gazelle e la Flag sono le marche più note.

Acquisti  Il Senegal offre una scelta molto vasta di oggetti di produzione artigianale nei mercati delle sue città e nei villaggi. L'artigianato locale è rappresentato da maschere e sculture in legno, marionette, strumenti musicali, porte di granai e serrature, oggetti in vimini. Bellissime le stoffe tessute a mano con disegni tradizionali a vivaci colori. I gioielli, poveri o preziosi sono in pietra, vetro, osso, legno e guscio d’uova di struzzo, ma anche in ambra, oro, argento, rame e pietre dure quali agata e malachite. I caratteristici mercati sono un continuo susseguirsi di bancarelle e piccoli negozi in cui sostare e guardarsi liberamente intorno per scoprire ed acquistare gli articoli di proprio gusto - dopo averne contrattato il prezzo. Occorre in generale diffidare degli oggetti offerti come antichi, molto costosi e di dubbia origine, talvolta invecchiati ad arte.
 



Prima della prenotazione del viaggio, si prega di prendere visione delle "Condizioni generali" e "Scheda tecnica".

Richiedi informazioni Invia ad un amico

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti i cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

X